Primo brevetto per Bisi, la PBP e sempre più vicina per lui..

Verona 23 -03-2019

Che dire di questa randonnée? Una 300 per tutti, dal dislivello non impossibile, ma che, forse proprio per questo ha visto tantittime persone alla partenza. L’avvicinarsi della Parigi Brest Parigi, i brevetti di qualificazione da fare, mi hanno spinto ad iscriversi. La partenza affollata, lo snodarsi del serpentone, in notturna, per le vie del centro di Verona, sempre stupenda, le tante ciclabili, anche sterrate, ed ecco che ci infiliamo nel Palazzo Ducale di Mantova! Primo controllo, tantissima gente. Io sono partito con un gruppo di amici incontrato alla Alpi 4000. Si riparte, il freddo, quando si costeggiano corsi d’acqua si fa sentire maggiormente, ma poi, quando guardi il tuo Garmin, ti accorgi che segna +2°C! Una foto a

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fot2.jpg

Borghetto Mincio, luogo magico, e si continua. Si passa Peschiera, sempre bella, ci si addentra in una serie di stradine che solo Musseu poteva scoprire e si arriva a Bardolino. Sono quasi le 6, il freddo ora si fa proprio sentire, si trema! Dai ragazzi, ripartiamo, che ci congeliamo! Via allora, fino a Torbole, contro vento, di buon passo, non senza, però, essersi gustati l’attraversamento per il lungo lago, alle prime luci del giorno, di Garda: anche questa una bella chicca! A Torbole sosta al bar, doppia brioche, che mi sono mangiato proprio di gusto! Si va ancora, si risale il corso del Sarca lungo la ciclabile. Finalmente si arriva al Lago di Cavedine. Anche qui si gode, ragazzi, e la giornata, che si annuncia splendida, ci presenta una natura in tutto il suo splendore primaverile! Ma si va; dopo aver costeggiato tutto il lago di Cavedine, si ritorna verso Arco, ma, questa volta si sale verso Nago. Qui dopo 2/3 km. di salita leggera fatta a

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fot1-1.jpg

buon ritmo, è obbligatorio fermarsi! La vista sul Lago di Garda, su Torbole, Arco, e la bassa valle del Sarca, è semplicemente favolosa e, allora, giù con le foto! Qualcuno ne approfitta anche per finire di togliersi gli abiti più pesanti e via per il terzo controllo! Breve sosta e si riparte; si scende fino alla ciclovia dell’Adige . Al bicigrill ancora una sosta: comincia a far caldo, perciò, un bel gelato, anzi due! Ultimo tratto prima di Verona, il solito toboga sulla ciclabile e bel tratto lungo l’Adige, con tanta gente che corre, cammina, pesca, va in bici! Ultima fatica, le Torricelle, pochi km. e

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ft3-e1554230983418.jpg

siamo a Villa Guerrina. Una giornata spettacolare, il brevetto e conquistato in 14 ore e 50 minuti. La PBP e sempre più vicina.